Superbonus 110% e altri Bonus Edilizi

Il Decreto Rilancio, nell’ambito delle misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonché di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19, ha incrementato al 110% l’aliquota di detrazione delle spese sostenute a fronte di specifici interventi edilizi nel periodo dal 1° luglio 2020 al 30 giugno 2022 (come prorogato dalla Legge di Bilancio 2021).

Il Superbonus 110%,  insieme agli altri bonus fiscali “edilizi” quali Ecobonus e Sisambonus, è una agevolazione con un importante impatto economico, che può dare un impulso notevole alla economia dei territori, consentendo lo sgravio fiscale a vantaggio dei contribuenti proprietari di immobili (per es. i condomini) che avviano opere di riqualificazione per specifici interventi in ambito di efficienza energetica, di interventi antisismici, di installazione di impianti fotovoltaici o delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici.

Per conoscere i dettagli del Superbonus 110% e degli altri bonus edilizi scarica la scheda informativa

L'OFFERTA DI CONFIDI SYSTEMA! PER LE IMPRESE DEL SETTORE

Due differenti soluzioni per le Imprese  a cui è stato richiesto lo sconto in fattura per la realizzazione degli interventi previsti dagli artt. 119 e 121 del Decreto Rilancio – come il Superbonus 110%, ma anche gli altri bonus "edilizi" come Ecobonus, Sismabonus, recupero o restauro delle facciate che beneficiano di agevolazioni inferiori.

GARANZIA SULLA ANTICIPAZIONE FINANZIARIA

Confidi Systema! ha messo a punto con le Banche convenzionate una specifica linea di credito finalizzata ad anticipare la liquidità necessaria per l'esecuzione dei lavori dalla fase di avvio al completamento. 

Ecco le principali caratteristiche:

Prodotto:  Anticipo contratti e Riqualificazione edilizia
Forma tecnica: Anticipo contratti
Durata:  12 mesi/18 mesi a seconda della Banca finanziatrice
Garanzia Confidi: Garanzia a prima richiesta da  80%  90% dell'anticipazione con riassicurazione del Fondo di Garanzia
Regime di aiuto: linea attivabile sia in regime de minimis che in regime Quadro Temporaneo degli Aiuti 
Tasso di interesse: variabile o fisso in funzione dell'accordo con la banca convenzionata
Spread: da 3,30 pp.

Banche convenzionate:

  • BANCA POPOLARE DI SONDRIO
  • BANCO BPM
  • CREDIT AGRICOLE E FRIULADRIA
  • CARIGE

Quali vantaggi per le Imprese:

  • Facilitazione dell'accesso al credito
  • Anticipazione fino a 18 mesi anche con erogazioni a stato avanzamento lavori
  • Miglioramento delle condizioni economiche dell’operazione
  • Possibile maggiore copertura delle spese totali del progetto (rispetto all'offerta standard della banca senza garanzia confidi)
  • Accesso alle misure agevolate introdotte fino ad oggi sul fronte del credito (Quadro temporaneo degli aiuti, maggiori coperture anche in regime de minimis ecc.)
  • Tempi di istruttoria e delibera snelli 

 

CESSIONE DEI CREDITI DI IMPOSTA CON CASSA DEPOSITI E PRESTITI: Confidi Systema! in qualità di intermediario finanziario accreditato affianca e assiste le imprese nella predisposizione della pratica.

Di cosa si stratta:
In caso di pagamento tramite “sconto in fattura” le imprese possono, beneficiando della capienza fiscale di CDP, cedere i crediti di imposta maturati sugli interventi di ristrutturazione edilizia e efficientamento energetico e recuperarli in tempi più rapidi rispetto ai termini previsti dalla normativa in materia.
La CESSIONE è PRO SOLUTO. Non ci sono tagli minimi sul credito acquisito.

A chi è rivolto:
Alle PMI italiane operanti nel settore edilizio, energetico e affini che realizzano interventi ammessi ai benefici fiscali di cui agli artt. 119 e 121 del Decreto Rilancio e che abbiano concesso l’opzione «sconto in fattura» al Contribuente. Le forme giuridiche ammesse sono: Società di capitali, società di persone e ditte individuali.

Quali vantaggi per le Imprese:

  • Recupero del controvalore derivante dalla cessione dei crediti fiscali in tempi relativamente brevi (in funzione del tipo di intervento). 
  • Conseguente maggiore liquidità finanziaria nelle casse aziendali da utilizzare per altri scopi. 
  • Prezzi di cessione più convenienti rispetto al mercato.

Criteri di eleggibilità:
Per richiedere il prodotto le Imprese devono rispettare i seguenti criteri:

  • Essere PMI
  • Rapporto tra eventuali Perdite nette e Patrimonio Netto minore del 50%
  • Rapporto in Centrale Rischi tra eventuali Sconfinamenti Cassa e Accordato Totale minore del 20% 
  • «esposizione non deteriorata» (scaduta, inadempienze probabili, sofferenza)presso l’intermediario proponente
  • Assenza in Centrale rischi di segnalazioni a sofferenza.

Se vuoi entrare in contatto con noi, lascia i tuoi dati qui sotto. Sarai richiamato in poco tempo!

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Leggere i fogli informativi nella sezione Trasparenza del sito.